News del sito

Dichiarazione di Antonella Giachetti, Presidente Delegazione Toscana e Vicepresidente vicaria di AIDDA, Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti di Azienda.

 
 
Immagine SEGRETERIA NAZIONALE
Dichiarazione di Antonella Giachetti, Presidente Delegazione Toscana e Vicepresidente vicaria di AIDDA, Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti di Azienda.
di SEGRETERIA NAZIONALE - mercoledì, 11 marzo 2020, 15:09
 

CORONAVIRUS: GIACHETTI (VICEPRES. AIDDA), LE MISURE ECONOMICHE: SCORPORO DAI VINCOLI EUROPEI DELLE SPESE DA INVESTIMENTI, ALLEVIARE PESO PERDITE SUBITE DA IMPRESE, CON CONVERSIONE DI IMPOSTE ANTICIPATE IN CREDITI DI IMPOSTA E CON SOSPENSIONE VERSAMENTI IMPOSTE FINO AL 2021.


ROMA, 10 MAR - “In questa situazione riteniamo debbano essere introdotti strumenti atti ad evitare la computazione, nel debito pubblico rispetto ai vincoli europei, degli investimenti strutturali volti alla risoluzione di questo tipo di emergenze. Infatti, dovrebbe essere prevista la non computabilità di spese per le infrastrutture digitali, per gli investimenti in infrastrutture ospedaliere, per gli investimenti per contrastare l’inquinamento ambientale, …”. Lo afferma in una nota Antonella Giachetti, Presidente Delegazione Toscana e vicepresidente vicaria di Aidda, l’Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti di Azienda, nelle ore in cui il Governo sta mettendo a punto le linee del Decreto economico che sarà varato domani dopo il voto delle Camere sullo scostamento di Bilancio. “Deve essere poi prevista – continua la vicepresidente di Aidda – la possibilità di immettere velocemente liquidità nel nostro sistema economico attraverso il sistema bancario, allargando ad esempio il QE a molti strumenti finanziari, o attraverso strumenti monetari europei, sia in Italia che all’estero”.


“In questa ottica – continua Giachetti – invitiamo a considerare l’opportunità che lo Stato riconosca la conversione delle imposte anticipate derivanti da bilanci certificati da soggetti esterni all’Impresa (Società di revisione, Sindaci, ecc.), sulle perdite rilevate per l’esercizio 2020, in crediti d’imposta direttamente utilizzabili, o negoziabili verso soggetti terzi (banche, società di factoring, assicurazioni, ecc.). Tale norma permetterebbe così di alleviare il peso delle forti perdite che verranno conseguite dalle imprese attribuendo contemporaneamente anche immediate risorse finanziare alle imprese stesse e andrebbe accompagnata – conclude – alla sospensione dei versamenti di imposte e contributi previsti sino alla fine dell’esercizio, prevedendo ovviamente anche una rateizzazione a partire dal 2021 di quanto maturato nel corso del 2020”.


“Gli eventi di questi giorni – prosegue Giachetti – ci stanno insegnando che il sistema socioeconomico globalizzato è troppo sensibile a situazioni del genere e dobbiamo capire come renderlo capace di resistere a tali turbolenze. E qui vorrei suggerire due concetti: rispetto e flessibilità; rispetto per il contesto ambientale in cui viviamo, che ci obbliga a riconsiderare radicalmente il rapporto uomo-ambiente. Flessibilità e adattabilità dei nostri sistemi organizzativi, onde garantire elevati livelli di resilienza sia agli individui e ai gruppi sociali, che alle strutture economiche”.