News del sito

Trieste accoglie le imprenditrici della Sardegna e assegna il Premio AIDDA a Chiara Valduga

 
 
Immagine COMUNICAZIONE AIDDA
Trieste accoglie le imprenditrici della Sardegna e assegna il Premio AIDDA a Chiara Valduga
di COMUNICAZIONE AIDDA - venerdì, 2 dicembre 2016, 12:18
 

Due giorni intensi a Trieste per le imprenditrici associate ad AIDDA, la più autorevole associazione di imprenditrici, professioniste e dirigenti d’azienda. Oggi e domani Trieste è il centro degli incontri promossi da AIDDA, Associazione Imprenditrici Dirigenti d’Azienda, tra le imprenditrici del Friuli Venezia Giulia e una delegazione in arrivo dalla Sardegna.


AIDDA incontra AIDDA è un’iniziativa che ha coinvolto varie città d’Italia e visto attive protagoniste le imprenditrici friulane e giuliane che hanno partecipato a incontri con il Veneto e la Sicilia e ora ospitano le rappresentanti della Sardegna. L’iniziativa è un momento di conoscenza delle realtà aziendali, di creazione di partnership e di mantenimento di una rete di relazioni unica nel suo genere.


Il fitto programma prende il via nel primo pomeriggio di venerdì con la visita guidata al Castello Miramare e prosegue nella serata con la Cena degli auguri di Natale all’Hotel Savoia, alla quale parteciperanno, oltre alle massime esponenti di AIDDA, le autorità istituzionali Roberto Di Piazza, Sindaco Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat, Presidente Provincia di Trieste, Francesco Peroni, Assessore al Bilancio Regione FVG e i rappresentanti del mondo imprenditoriale, della finanza e delle Università.


Evento nell’evento, la Cena degli auguri di Natale è anche l’occasione di conferire il Premio AIDDA Friuli Venezia Giulia 2016 a Chiara Valduga, presidente del Gruppo siderurgico Cividale, per la competente guida dell’importante gruppo fondato dal padre, assicurando continuità, sviluppo, rispetto di solidi principi e condivisione della conduzione con la propria famiglia.


Sabato 3 dicembre partire dalle 10,00 è previsto l’incontro B2B tra le imprese friuliane, giuliane e sarde. Ospiti a casa della Presidente Onoraria Etta Carignani, 20 imprenditrici presenteranno la loro attività. I settori maggiormente rappresentati sono quelli dei servizi marittimi e delle agenzie portuali, della vitivinicoltura e dell’alimentare, ma sono presenti anche aziende che operano nella metalmeccanica, nella meccanica di precisione, nell’edilizia, nel florovivaismo e nei servizi (residenze per anziani, formazione e pulizie). Tutte con il comune denominatore di avere alla guida una donna.


“Sono davvero lieta di ospitare il B2B perché guardo da sempre con ammirazione e affetto l’imprenditoria femminile” afferma Etta Carignani. “Sono onorata della presenza della presidente nazionale Franca Audisio, che durante una sua prima visita alla nostra piccola regione restò ammirata dalle realtà espresse tanto da affermare: ‘questa è un’altra Italia’. Le nostre imprenditrici si stanno distinguendo con le loro imprese in tutto il mondo e in settori che vanno dall’alimentare, con i prosciutti, il vino, le grappe e il caffè, all’edilizia con le grandi opere edili, dalla siderurgia alla tecnologia più avanzata. Sono inoltre lieta che lo scambio reciproco avvenga con le amiche della Sardegna, una terra che visitiamo alla ricerca della bellezza e che oggi ci porta a conoscere le sue imprese”.


“La delegazione AIDDA Friuli Venezia Giulia ha l’onore di contare tra le associate imprenditrici con aziende di grandi dimensioni e nome noto in tutto il mondo” afferma Lidia Sangoi, presidente di AIDDA Friuli Venezia Giulia. “Nello stesso tempo sono iscritte anche imprenditrici con realtà più piccole, spesso di stampo artigianale, che nel clima di collaborazione e vivace interazione trovano la possibilità di confronto, consiglio e stimolo per la loro attività”.


“Abbiamo accolto con molto interesse l’invito a partecipare a questo incontro che ci permette di far conoscere le nostre realtà imprenditoriali anche in vista di future sinergie” aggiunge Caterina Montaldo, presidente di AIDDA Sardegna. “In un'isola attraversata dalla crisi, le imprese al femminile in Sardegna reggono di più alle difficoltà e registrano un aumento leggermente superiore alla media nazionale, +0,16%. Soprattutto nel campo dell'agricoltura e dei settori legati alla tradizione gli studi di settore dicono che le donne sono più affidabili, più innovative e più formate".


La due giorni si concluderà con la visita guidata alla città e al museo Revoltella e la cena tipica triestina all’Antica Trattoria Suban.