News del sito

Da "Affari e Finanza"

 
 
Immagine COMUNICAZIONE AIDDA
Da "Affari e Finanza"
di COMUNICAZIONE AIDDA - venerdì, 28 novembre 2014, 01:00
 

(ANSA) - CAGLIARI, 28 NOV - Cresce l'affidabilità dell'imprenditoria femminile. Le imprese di capitali sarde, guidate dalle donne, infatti, sono più affidabili e puntuali nei pagamenti rispetto a quelle guidate dagli uomini: 34,35% contro il 24,1%. E le attività di capitali femminili hanno una bassa rischiosità, maggiore del 14,5%. Lo rivela l'indagine Cribis D&B 2014 sulla rischiosità delle imprese. I dati sono stati illustrati questa mattina a Cagliari, nella sede della Camera di Commercio, nel corso della tavola rotonda promossa da Aidda Sardegna sul tema 'Affidabilità delle imprese femminili e credito' organizzata in collaborazione con il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Cagliari e Cribis D&B, società specializzata nella business information. Al centro dell'incontro il rapporto con il credito e le prospettive di sviluppo dell'imprenditoria femminile. "A un anno esatto di distanza dalla precedente iniziativa anche per il 2014 le imprese femminili sarde si confermano più affidabili e puntuali rispetto a quelle maschili - ha sottolineato Caterina Montaldo, Presidente Aidda Sardegna - un dato di grande rilevanza su cui debbono riflettere, e trarre le dovute considerazioni i soggetti competenti in materia di credito e politiche di sostegno all'impresa". Nel corso del dibattito si sono susseguiti gli interventi di Claudia Temeroli, Marketing Specialist Cribis, Simonetta Caredda, Presidente Comitato Imprenditoria Femminile Cciaa di Cagliari, Paola del Fabro, Responsabile Finanza d'Impresa e Crediti, Speciali Banco di Sardegna. L'imprenditoria femminile, è emerso dalla tavola rotonda, è in crescita. I dati elaborati dal comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Cagliari indicano un leggero aumento al 30 settembre con un saldo positivo di 11 unità, nonostante la crisi. C'è un incremento di società di capitali a guida femminile che rappresentano il 17,7%, rispetto alla media nazionale del 15,85%. (ANSA).

(Modificato da SYS-TEK S.R.L. - intervento originale effettuato il Friday, 28 November 2014, 01:00)